INVIO N°: 004/2009 del 30 Gennaio 2009
TAGLIA-LEGGI: UN EMENDAMENTO DEL GOVERNO NE SALVA 239
- LE ULTIME NOVITÀ SUL DECRETO LEGGE 200/2008 (TAGLIA-LEGGI) DA IL SOLE 24 ORE.COM
 
Salvi gli ordinamenti professionali, l'obbligatorietà di iscrizione agli Ordini e le regole per il loro funzionamento. Esonerate le regole sugli archivi notarili, le disposizioni istitutive delle fiduciarie ma anche le norme che eliminano la pena capitale dal Codice penale e quelle che istituiscono la Festa nazionale del 4 novembre, dichiarano monumenti nazionali la tomba di Giacomo Leopardi e la casa di Giuseppe Verdi.

Raccolte in un unico emendamento del Governo, depositato ieri sera, sono lievitate a 239 (fino a lunedì mattina il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, parlava di «146») le norme pre-repubblicane che si salveranno dalla scure del decreto taglia-leggi 200/2008, in fase di conversione in Aula alla Camera e in scadenza il 20 febbraio. Un provvedimento (si veda «Il Sole 24 Ore» del 24 gennaio) reso necessario dopo le diverse proteste e richieste di modifica giunte, in commissione, da maggioranza e opposizione, da associazioni, Ordini ed Enti locali (previo vaglio di merito da parte dei ministeri competenti), che avrebbero tagliato – nel ginepraio delle oltre 29mila disposizioni selezionate – anche alcune cornici normative fondamentali per il funzionamento dei moderni apparati.

LE PROFESSIONI
Dalla scure sono salve praticamente tutte le disposizioni che riguardano la tenuta degli Albi (legge 254/1940) e le associazioni (1815/1939); le norme fondamentali per l'elezione dei Consigli (382/1944), alcune disposizioni sulla pratica forense (577/1919), sull'esame per avvocati (509/1943), sull'ordinamento (453/1926) e il decreto luogotenenziale 170/1946 sulle tariffe forensi. Resta la legge 1074/1928 che reprime l'esercizio abusivo delle professioni sanitarie (1074/28) e la loro disciplina giuridica (184/35). Integre anche le regole per l'esercizio della professione di ragioniere (965/1929), tenuta degli Albi e assetto ordinistico per ingegneri e architetti (1296/1930) e le norme per iscriversi all'Albo di questi ultimi (506/1941).

LE FIDUCIARIE
Sfuggita al "disboscamento normativo" anche la legge 1966/1939 con le norme istitutive delle società fiduciarie e di revisione, che aveva sollevato il "pericolo deregulation" da parte del presidente di Assofiduciaria, Gustavo Visentini (si veda «Il Sole 24 Ore» del 7 gennaio). «Una disciplina certamente da aggiornare – aveva detto Visentini – ma che non può far venire meno un quadro di regole certe e un'idonea struttura di vigilanza».

NORME ANTI ABUSI
Corretta anche la "svista" che, eliminando la legge 288/1944, faceva venir meno le norme che tutelano il cittadino da eventuali abusi dei pubblici ufficiali. E tra le diverse leggi "recuperate" c'è anche la 224/1944 che prevede l'abolizione della pena di morte dal Codice penale, la 1354/22 che ha istituito le celebrazioni del 4 novembre (la Festa delle Forze Armate), la costituzione in Comune autonomo delle isole Tremiti (35/32) e l'individuazione di alcuni monumenti nazionali (240/1897 e 26/1901). Per l'opposizione, ha spiegato Fabio Evangelisti (Idv): «L'emendamento è la dimostrazione che il meccanismo messo in piedi dal Governo per disboscare la giungla legislativa fa acqua da più parti e che è l'ennesimo spot dell'Esecutivo».

GUARDA GLI ALTRI APPROFONDIMENTI DA IL SOLE 24 ORE.COM
 
 
Al fine di ricevere regolarmente la Newsletter, ricordi di scaricare periodicamente la posta elettronica mantenendo sempre la Sua casella al di sotto del limite massimo di capienza poiché qualora un messaggio di Informa On Line dovesse raggiungere una casella di posta elettronica piena, l’e-mail verrebbe automaticamente restituita al Collegio con la relativa perdita dell’informazione.
Cordiali Saluti da Informa On Line
(Antonello Gaias)